Home / Emilia Romagna / Arte e Cultura / Fellini Museum

Fellini Museum, il sogno diventato realtà

Rimini si riappropria del suo tesoro più prezioso: la fantasia

Lettura: 3 minuti

A cent’anni dalla nascita del suo figlio più noto, Rimini si trasforma, cambia volto e omaggia il genio visionario di uno dei più grandi registi del Novecento: Federico Fellini.

Un Museo diffuso in tutto il centro storico, divenuto il motore di riqualificazione di un’intera parte della città.

Un Museo unico al mondo, perché il Genius loci Felliniano è qui: una galleria che sfonda e supera i limiti e le mura dei suoi luoghi, esce per strada tra la gente e accende il motore dell’immaginazione. Qui non ti fermerai alla sola ammirazione dell’opera Felliniana, ma ci entrerai nel vivo e la potrai interpretare a modo tuo, anche attraverso i linguaggi museali più contemporanei.

Vieni a fantasticare e a scoprire il nuovo polo museale di Rimini: la città dove “Nulla si sa, tutto si immagina”.

[Foto da Ufficio Stampa Turismo Rimini]

È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.

Peppino Impastato

Adatto a :

Appassionati di cinema, di arte e chi vuole fantasticare un po'

Mezzo :

A piedi

Periodo consigliato:

Tutto l'anno

La grande festa

Il Fellini Museum è stato inaugurato il 19 agosto 2021, con un grande spettacolo chiamato “Il Maestro che camminava su pezzi di cielo”, dove proiezioni, danzatrici volanti e riflessi d’acqua narranti le emozioni dei film di Fellini hanno emozionato il numeroso pubblico.

Spettatori e Spettautori

L’eredità del Maestro, forse, è proprio questa: non prendere le sue opere e idee per concluse, osservandole da lontano come si fa davanti a una grande opera dell’antichità. Ma farsi suggerire, spronare e stimolare il pensiero. Una Bellezza che da qui si espande, diventando fonte di ispirazione diffusa.

È proprio questo il concetto base che dato vita al progetto del Fellini Museum: non semplici ammiratori e spettatori, ma Spettautori. Ognuno può (e deve) godere di una sua visione e interpretazione personale, e crearsi un proprio percorso felliniano. Poter dire che anche noi, nelle nostre vite, possiamo immaginare qualcosa di così fantastico: ecco il vero e più importante obiettivo del Museo...e di Fellini.

Una fantastica visione

Rimini ha intrapreso un sogno: ritrovare la sua identità di Città d’Arte.

Un progetto ambizioso che si sta concretizzando giorno dopo giorno, grazie ai vari interventi intrapresi in questi ultimi anni. Interventi quali la ricostruzione e riapertura del Teatro Galli, l’inaugurazione del nuovo Museo d’arte contemporanea (PART) nel maestoso Palazzo dell’Arengo, la valorizzazione e riqualificazione del Ponte di Tiberio con la “Piazza sull’acqua”, e la meravigliosa immaginazione del nuovo Museo Fellini.

Il Museo è esteso su 3 spazi principali, riconsegnati in tutto il loro splendore alla città: il Castel Sismondo, il Palazzo del Cinema Fulgor e Piazza Malatesta, modernizzata e convertita nella Piazza dei Sogni.

La Bellezza come bene pubblico e la forza attrattiva dell’Arte sono le leve principali di questa rigenerazione.

Pensando a Rimini ti vengono in mente solo spiaggia, mare e ombrellone? Be’, allora rimarrai stupito dalla sua anima storica e culturale!

Il Castello

Il Castello Malatestiano è il fulcro fondamentale del Fellini Museum: una magnifica fortezza quattrocentesca a lungo dimenticata e messa in ombra, che risplende oggi di una nuova vitalità.

Arrivando qui vedrai un velo d’acqua nebulizzata davanti al portone, che ci ricorda la nebbia felliniana e l’antico fossato a protezione del Castello. E non solo: un branco di bambini e ragazzi che corrono, scherzano e sguazzano in mezzo ai vapori d’acqua. Sono proprio loro i protagonisti e i veri vincitori di questo progetto: si sono ripresi la gioia e l’innocenza della vita, giocando liberi in questi nuovi spazi.

Stupore, fantasia, divertimento. Ma anche, e soprattutto, Fellini: qui ti immergerai in un bellissimo percorso immersivo in 16 sale, uno straordinario contenitore di immaginazione, dove c'è tutto il sogno italiano del ‘900. 


Non solo stanze da ammirare, ma dispositivi multimediali interattivi che ti coinvolgono direttamente: soffiando su una piuma, ad esempio, sfoglierai il Libro dei sogni di Fellini, dove ci sono gli schizzi, gli appunti e le ambientazioni visionarie che ha trasferito sullo schermo e che sono entrati nell’immaginario di tutti noi.

Palazzo del Fulgor

Il Fulgor è il cinema più antico e famoso di Rimini: sono queste le sale che il Maestro frequentò da giovane, ed è proprio qui che si innamorò della magia della settima arte. Cinema reso famoso e immortale in Amarcord, il Fulgor ha sede nel Palazzo Valloni, un bellissimo edificio settecentesco, disegnato dall'architetto Giuseppe Valadier.

Tre piani espositivi, con sale di approfondimento, di ricerca e di studio, in cui la creatività e l’arte diventano anche lavoro: qui prende vita una vera e propria Academy per le attività legate alle tecnologie e alle musiche del cinema.

La Cultura come comunità, che coinvolge e stimola.

Piazza dei Sogni

Dal Fulgor al Castello, ti troverai ad attraversare e a passeggiare nella nuovissima Piazza Malatesta. 

Un percorso in cui idee e stimoli prendono vita, un grande spazio urbano riqualificato, dopo anni di utilizzo come parcheggio o mercatino ambulante.

Costruita sul set finale di 8 ½, con una grande panca circolare, quando tutti insieme e mano nella mano, si riconquista la gioia di vivere.

La stessa gioia che vedrai negli occhi dei bambini che giocano qui davanti: sono loro il vero inno alla libertà e fantasia che il Fellini Museum vuole trasmettere.

Esperienze correlate

Persone in continuo movimento

Scopri
Teatro Galli Una visita al Teatro Galli, il salotto musicale di Rimini.
Scopri
Domus del Chirurgo Camminare sui resti di una Domus Romana a Rimini.
Scopri
Museo della Marineria Il Museo Galleggiante di Cesenatico dove ammirare le barche storiche.
Scopri
Parco Poesia Pascoli Un grande Parco che unisce i luoghi del cuore di Giovanni Pascoli.